La gestione finanziaria

Situazione patrimoniale e finanziaria consolidata riclassificata15

   Variazione
(m) 31.12.2011 31.12.2010 2010 A cambi omogenei
Attività immateriali 2.154,5 2.196,0 (41,5) (85,7)
Immobili, impianti e macchinari 923,4 925,1 (1,7) (15,4)
Immobilizzazioni finanziarie 26,5 26,9 (0,3) (0,6)
A)    Immobilizzazioni 3.104,4 3.147,9 (43,5) (101,7)
Magazzino 266,0 246,3 19,8 16,4
Crediti commerciali 53,5 59,7 (6,3) (6,1)
Altri crediti 227,9 185,1 42,8 41,2
Debiti commerciali (632,4) (674,6) 42,2 46,8
Altri debiti (406,2) (392,4) (13,8) (7,0)
B)     Capitale di esercizio (491,2) (575,9) 84,7 91,3
C)     Capitale investito, dedotte le passività di esercizio 2.613,2 2.572,0 41,2 (10,4)
D)    Altre attività e passività non correnti non finanziarie (261,1) (286,1) 25,0 30,9
E)      Attività destinate alla vendita 1,0 (1,0) (1,0)
F)      Capitale investito netto 2.352,2 2.286,9 65,3 19,5
Patrimonio netto attribuibile ai soci della controllante 779,8 690,0 89,7 77,0
Patrimonio netto attribuibile a interessenze di pertinenza di
terzi
19,6 21,3 (1,7) (2,1)
G)    Patrimonio netto 799,4 711,4 88,1 74,8
Debiti finanziari a medio-lungo termine 1.571,6 1.511,7 59,9 14,4
Crediti finanziari a medio-lungo termine (3,0) (3,1) 0,1
H)    Posizione finanziaria netta a medio-lungo termine 1.568,6 1.508,6 60,0 14,5
Debiti finanziari a breve termine 214,2 258,1 (43,9) (49,6)
Disponibilità e crediti finanziari a breve termine (230,0) (191,1) (38,8) (20,3)
I)       Posizione finanziaria netta a breve termine (15,8) 66,9 (82,7) (69,8)
Posizione finanziaria netta (H + I) 1.552,8 1.575,5 (22,8) (55,3)
L)      Totale, come in F) 2.352,2 2.286,9 65,3 19,5

 

 15   Le voci della Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata riclassificata sono direttamente desumibili dai prospetti contabili del Bilancio consolidato, integrati dalle relative note illustrative a eccezione della voce “Altri crediti” e “Altre attività e passività non correnti non finanziarie” che includono le imposte differite attive e passive, rappresentate invece unitariamente nell’attivo non corrente nella Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata

 

Il capitale investito netto al 31 dicembre 2011 è pari a € 2.352,2m, con un aumento di € 65,3m rispetto al 31 dicembre 2010, originato dall’incremento del capitale di esercizio e dall’effetto di conversione a cambi correnti delle attività nette del Gruppo in aree geografiche con valute diverse dall’Euro. A cambi omogenei, si sarebbe registrato un incremento pari a € 1 9,5m.

La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2011 è risultata pari a € 1.552,8m, in diminuzione di € 22,8m rispetto ai € 1.575,5m del 31 dicembre 2010. L’effetto di conversione delle componenti denominate in valute diverse dall’Euro, in particolare del Dollaro statunitense, è risultato sfavorevole per € 32,5m.

Evoluzione della Posizione finanziaria netta

Evoluzione della Posizione finanziaria netta

* Esclude € 39,2m di pagamento effettuato per l’estinzione anticipata di alcuni contratti derivati di copertura rischio tasso di interesse
** Comprende la variazione del fair value dei derivati

Al 31 dicembre 2011 l’indebitamento finanziario netto del Gruppo risultava denominato per il 30% in Dollari USA, per il 28% in Sterline britanniche e per la parte rimanente in Euro.

Il fair value dei contratti derivati per la gestione del rischio tasso d’interesse al 31 dicembre 2011 era negativo e pari a € 7m (negativo per € 56,6m al 31 dicembre 2010). La significativa riduzione rispetto all’anno precedente riflette l’estinzione anticipata di contratti di copertura rischio tasso di interesse effettuata in concomitanza con il rifinanziamento del Gruppo.

Il debito è composto prevalentemente da linee bancarie “committed” a medio-lungo termine e da obbligazioni non quotate a medio-lungo termine. Al 31 dicembre 2011 la durata media residua dei finanziamenti in essere è di 4 anni circa e risulta significativamente incrementata grazie alla conclusione, nel mese di luglio, del rifinanziamento degli affidamenti bancari del Gruppo, ottenuto mediante la sottoscrizione di nuove linee di credito per € 1,35 miliardi con scadenza 2016, di cui € 650m destinati al finanziamento del settore Travel Retail & Duty-Free.

Per effetto di tale rifinanziamento e della revisione delle coperture rischio tasso di interesse, al 31 dicembre 2011 il debito risultava a tasso fisso per il 40%, rispetto al 64% di fine 2010.

I contratti di finanziamento prevedono il mantenimento entro valori prestabiliti dei seguenti indicatori economico-finanziari: un Leverage Ratio (Indebitamento Finanziario Netto/EBITDA) non superiore a 3,5 volte e un Interest Cover (EBITDA/Oneri Finanziari Netti) non inferiore a 4,5 volte. I contratti di finanziamento sottoscritti da Autogrill S.p.A. prendono a riferimento i dati dell’intero Gruppo, mentre il contratto di finanziamento del settore Travel Retail & Duty-Free fa riferimento unicamente ai dati finanziari del settore stesso. Al 31 dicembre 2011 tutti i parametri sopra citati risultano ampiamente rispettati.

 

Generazione di cassa netta

(m) Esercizio 2011 Esercizio 2010
EBITDA 617,0 605,4
Variazione capitale circolante netto (98,9) 40,7
Altre voci (2,5) (0,2)
Flusso monetario da attività operative 515,6 645,9
Imposte pagate (87,4) (79,6)
Interessi netti pagati di cui (112,8) (74,6)
–  Oneri estinzione IRS * (39,2)
Flusso monetario netto da attività operative 315,4 491,7
Investimenti netti (209,4) (219,2)
Generazione cassa netta 105,9 272,5
Generazione cassa netta (esclusa estinzione IRS) 145,1 272,5
* “Interest Rate Swap”, contratti di copertura rischio tasso di interesse

La generazione di cassa netta del Gruppo da attività operative è stata pari a € 105,9m nel 2011 (includendo gli oneri derivanti dall’estinzione anticipata dei contratti di copertura rischio tasso di interesse effettuata in occasione del rifinanziamento del debito bancario) in calo rispetto a € 272,5m del 2010.

La diminuzione è determinata dall’opposto contributo dato dalla Variazione del capitale circolante netto, positiva nel 2010 e negativa per € 98,9m nel 2011. La componente più importante della variazione è legata alla diminuzione dei debiti verso fornitori, principalmente nel settore Food & Beverage in Europa.

Gli investimenti netti, pari nel 2011 a € 209,4m, risultano in lieve calo rispetto all’anno precedente e si sono concentrati nel settore Food & Beverage, in Italia e Stati Uniti per le nuove aperture e le ristrutturazioni di locali esistenti, in particolare sul canale autostradale. Si rimanda alla Sezione 1.4 per una descrizione di maggiore dettaglio degli investimenti per settore di attività.

Investimenti

   Variazione
(m) Esercizio 2011 Esercizio 2010 2010 A cambi omogenei
Food & Beverage 184,6 186,5 (1,0%) (2,7%)
Travel Retail & Duty-Free 18,6 27,6 (32,6%) (33,5%)
Corporate e non allocati 6,2 5,2 20,9% 20,9%
Totale 209,4 219,2 (4,5%) (6,0%)